Nuovi studi confermano che il coronavirus ha avuto origine dal mercato degli animali di Wuhan

La polizia di Wuhan, in Cina, ha chiuso il mercato all'ingrosso di prodotti ittici di Huanan il 1° gennaio 2020. -AFP
La polizia di Wuhan, in Cina, ha chiuso il mercato all’ingrosso di prodotti ittici di Huanan il 1° gennaio 2020. -AFP

WASHINGTON: Un mercato di animali a Wuhan in Cina è stato davvero l’epicentro della pandemia di Covid, secondo un paio di nuovi studi sulla rivista Science pubblicati martedì che affermavano di aver ribaltato l’equilibrio nel dibattito sulle origini del virus.

Rispondere alla domanda se la malattia si sia riversata naturalmente dagli animali all’uomo, o sia stata il risultato di un incidente di laboratorio, è considerato vitale per evitare la prossima pandemia e salvare milioni di vite.

Il primo documento ha analizzato il modello geografico dei casi di Covid nel primo mese dell’epidemia, dicembre 2019, mostrando che i primi casi erano strettamente raggruppati attorno al mercato all’ingrosso di frutti di mare Huanan di Wuhan.

Il secondo ha esaminato i dati genomici dei primi casi per studiare l’evoluzione precoce del virus, concludendo che era improbabile che il coronavirus circolasse ampiamente negli esseri umani prima di novembre 2019.

Entrambi erano stati precedentemente pubblicati come “preprint”, ma ora sono stati controllati da una revisione scientifica tra pari e appaiono in una prestigiosa rivista.

Michael Worobey dell’Università dell’Arizona, coautore di entrambi gli articoli, aveva precedentemente invitato la comunità scientifica in una lettera ad essere più aperta all’idea che il virus fosse il risultato di una perdita di laboratorio.

Ma i risultati lo hanno spostato “al punto in cui ora penso anche che non sia plausibile che questo virus sia stato introdotto in un altro modo se non attraverso il commercio di animali selvatici al mercato di Wuhan”, ha detto ai giornalisti durante una telefonata.

Sebbene l’indagine precedente fosse incentrata sul mercato degli animali vivi, i ricercatori volevano più prove per determinare che fosse davvero il capostipite dell’epidemia, al contrario di un amplificatore.

Ciò ha richiesto uno studio a livello di quartiere all’interno di Wuhan per essere più certi che il virus fosse “zoonotico” – che passasse dagli animali alle persone.

Il team del primo studio ha utilizzato strumenti di mappatura per determinare la posizione della maggior parte dei primi 174 casi identificati dall’Organizzazione mondiale della sanità, scoprendo che 155 di loro erano a Wuhan.

Inoltre, questi casi si raggruppavano strettamente intorno al mercato e alcuni dei primi pazienti senza una storia recente di visite al mercato vivevano molto vicino ad esso.

I mammiferi ora noti per essere infettabili con il virus, tra cui volpi rosse, tassi suini e cani procione, sono stati tutti venduti vivi sul mercato, ha dimostrato il team.

Due introduzioni all’uomo

Gli autori dello studio hanno anche legato campioni positivi di pazienti all’inizio del 2020 alla parte occidentale del mercato, che alla fine del 2019 vendeva animali vivi o appena macellati.

I primi casi strettamente confinati contrastavano con il modo in cui si irradiavano nel resto della città entro gennaio e febbraio, cosa che i ricercatori hanno confermato analizzando i dati del check-in sui social media dall’app Weibo.

“Questo ci dice che il virus non stava circolando in modo criptico”, ha detto Worobey in una nota.

“Ha davvero avuto origine in quel mercato e si è diffuso da lì”.

Il secondo studio si è concentrato sulla risoluzione di un’apparente discrepanza nella prima evoluzione del virus.

Due lignaggi, A e B, hanno segnato la prima pandemia.

Ma mentre A era più vicino al virus che si trova nei pipistrelli, suggerendo che il coronavirus negli esseri umani proveniva da questa fonte e che A ha dato origine a B, è stato B ad essere molto più presente sul mercato.

I ricercatori hanno utilizzato una tecnica chiamata “analisi dell’orologio molecolare”, che si basa sulla velocità con cui si verificano le mutazioni genetiche nel tempo per ricostruire una linea temporale dell’evoluzione e hanno ritenuto improbabile che A abbia dato origine a B.

“Altrimenti, il lignaggio A avrebbe dovuto evolversi al rallentatore rispetto al virus del lignaggio B, il che semplicemente non ha senso biologico”, ha affermato Worobey.

Invece, lo scenario probabile era che entrambi fossero passati dagli animali al mercato all’uomo in occasioni separate, a novembre e dicembre 2019. I ricercatori hanno concluso che era improbabile che ci fosse una circolazione umana prima di novembre 2019.

In questo scenario, c’erano probabilmente altre trasmissioni da animale a uomo sul mercato che non si sono manifestate come casi di Covid.

“Abbiamo smentito la teoria delle perdite di laboratorio? No, non l’abbiamo fatto. Saremo mai in grado di saperlo? No”, ha detto il coautore Kristian Andersen dello Scripps Research Institute.

“Ma penso che ciò che è veramente importante qui è che ci sono scenari possibili e sono scenari plausibili ed è davvero importante capire che possibile non significa altrettanto probabile”.

La guida tecnica dell’OMS per Covid, Maria Van Kerkhove, ha accolto con favore la pubblicazione degli studi in un tweet martedì.

“(È) fondamentale continuare a studiare le origini della pandemia di #COVID19 per assicurarci di essere meglio preparati a prevenire e mitigare futuri focolai, epidemie e pandemie”, ha affermato.

Source link

Previous post LECCE: LE PAROLE DI MISTER BARONI ALLA VIGILIA DI LECCE-CITTADELLA | Notizia
Next post 10 migliori recensioni sui tour di degustazione di vini