Inquinamento legato al 10% dei casi di cancro in Europa: rapporto

La capitale bulgara Sofia vantava i livelli di particolato PM2,5 più alti in Europa nel 2018. Foto: AFP
La capitale bulgara Sofia vantava i livelli di particolato PM2,5 più alti in Europa nel 2018. Foto: AFP

COPENHAGEN: L’inquinamento è legato a oltre il 10% dei casi di cancro in Europa, ha affermato martedì un rapporto dell’Agenzia europea dell’ambiente.

La maggior parte di questi casi è prevenibile, ha detto.

“L’esposizione all’inquinamento atmosferico, alle sostanze chimiche cancerogene, al radon, ai raggi UV (ultravioletti) e al fumo passivo insieme possono contribuire per oltre il 10% al carico di cancro in Europa”, ha affermato l’agenzia in una nota.

Ma l’esperto dell’AEA Gerardo Sanchez ha affermato che “tutti i rischi ambientali e di cancro sul lavoro possono essere ridotti”.

“I tumori determinati dall’ambiente dovuti a radiazioni o agenti cancerogeni chimici possono essere ridotti a un livello quasi trascurabile”, ha detto ai giornalisti la scorsa settimana prima della pubblicazione del rapporto, il primo dell’agenzia sul legame tra cancro e ambiente.

Nell’Unione Europea, a 2,7 milioni di persone viene diagnosticato un cancro ogni anno e 1,3 milioni ne muoiono.

Il continente, che rappresenta meno del 10 per cento della popolazione mondiale, riporta quasi un quarto dei nuovi casi e un quinto dei decessi.

L’inquinamento atmosferico è legato a circa l’uno per cento di tutti i casi di cancro in Europa e causa circa il due per cento di tutti i decessi per cancro, ha affermato l’agenzia.

L’esposizione indoor al radon è collegata fino al due percento di tutti i casi di cancro e a un caso di cancro ai polmoni su dieci in Europa.

Le radiazioni UV naturali possono essere responsabili fino al quattro percento di tutti i casi di cancro in Europa, ha affermato l’agenzia.

L’esposizione al fumo passivo può aumentare il rischio complessivo di tutti i tumori fino al 16% per le persone che non hanno mai fumato, ha aggiunto.

L’agenzia ha avvertito che alcune sostanze chimiche utilizzate nei luoghi di lavoro europei contribuiscono a causare il cancro, tra cui piombo, arsenico, cromo, cadmio, acrilammide e pesticidi.

Si stima che l’amianto, un noto cancerogeno, rappresenti dal 55 all’88% dei tumori polmonari professionali. L’UE ha vietato l’amianto nel 2005, ma è ancora presente in alcuni edifici e i lavoratori coinvolti in lavori di ristrutturazione e demolizione sono ancora esposti, ha affermato l’agenzia.

“I rischi di cancro ambientale e professionale possono essere ridotti ripulendo l’inquinamento e modificando i comportamenti”, ha aggiunto.

“Diminuire questi rischi porterà a una diminuzione del numero di casi di cancro e di decessi”.

Source link

Previous post La Cina lancia il secondo modulo per la sua stazione spaziale Heavenly Palace
Next post Il Regno Unito blocca l’accordo sui sensori dell’Università di Manchester con una società cinese