IL MILAN SUPERA L’HELLAS 2 – 1 | Notizia

Serie A TIM

C’è ancora la firma di Tonali su un successo del Milan a Verona. I rossoneri vincono 2 – 1 e restano in scia a Napoli e Atalanta. L’esordio di Bocchetti non è fortunato nel risultato, ma gli scaligeri hanno disputato un’ottima gara, tenendo aperto il match fino alla fine.


Le squadre si danno battaglia da subito con duelli in ogni zona del campo e già al 10′ arriva il primo gol. Solita imprendibile accelerazione di Leao sulla fascia, palla al centro e Veloso, in volontà, devia nella propria porta. Passa un minuto e Giroud potrebbe raddoppiare, ma il suo tiro davanti al portiere termina a lato dello specchio. Passato lo spavento l’Hellas pareggia, complice una deviazione involontaria di Gabbia che inganna Tatarusanu su conclusione di Gunter al 19′. Il primo tempo, equilibrato, si chiude con una buona opportunità per i padroni di casa. Sono sempre i gialloblù a farsi notare in avvio di ripresa, con Hrustic che allarga troppo il tiro a giro sul secondo palo. Il Milan risponde presente con Rebic, inserito a inizio ripresa insieme a Origi (fuori Diaz e Giroud), che a tu per tu con Montipò non riesce a superarlo. Al 57′ occasione per gli scaligeri, con Piccoli che di testa manda il pallone sulla traversata e ribattuta Gunter dal limite manda di poco alto. Pioli prova a ridare energie ai suoi inserendo Pobega e Bennacer, ma è ancora Rebic il più pericoloso tra i rossoneri, con un quale colpo di testa sul Montipò si mostra reattivo. All’81’ Tonali, nello stadio che lo maggio lo aveva visto protagonista di un pezzo di scudetto, conclude in rete un’azione sviluppata sull’asse Leao – Rebic. La squadra di Bocchetti non ci sta e si riversa nell’area rossonera, ma gli uomini di Pioli buona guardia, con Thiaw che si supera in una tempestiva chiusura nel recupero.


Clicca QUI per le statistiche dell’incontro del Bentegodi.


(Foto LaPresse)

Source link

Previous post La Gates Foundation ha promesso 1,2 miliardi di dollari per eradicare la polio
Next post Housing IPRs all’estero, finanziamenti, talento tra le ragioni per le startup che si trasferiscono dall’India