Meloni, di estrema destra italiana, diventa la prima premier donna del Paese

Emesso il:

La leader di estrema destra Giorgia Meloni è stata nominata venerdì primo ministro italiano, diventando la prima donna a capo di un governo in Italia.

Il suo postfascista Fratelli d’Italia Il partito, euroscettico e anti-immigrazione, ha vinto i sondaggi legislativi il 25 settembre ma ha bisogno del sostegno esterno per formare un governo.

Melonil’ appuntamento è un evento storico per la terza economia dell’eurozona e per Brothers of Italy, che non è mai stata al governo.

La 45enne romana nominerà ora i suoi ministri che sabato presteranno giuramento davanti al presidente Sergio Mattarella.

Poco dopo la sua nomina, Meloni nominò ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti, che prestò servizio sotto il precedente governo di Mario Draghi.

Giorgetti, ex ministro dello sviluppo economico, è considerato uno dei membri più moderati e europeisti della Lega di estrema destra di Matteo Salvini.

Il suo partito Fratelli d’Italia ha ottenuto il 26 per cento dei voti il ​​mese scorso, contro l’otto e il nove per cento rispettivamente dei suoi alleati Forza Italia e Lega di estrema destra.

Preoccupazioni di unità

Le consultazioni per preparare un governo erano state oscurate da disaccordi sull’ardente sostegno di Meloni all’Ucraina dall’invasione russa, con i suoi due aspiranti partner della coalizione che sono entrambi considerati vicini a Mosca.

Durante la settimana è trapelata una registrazione in cui l’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi, che guida Forza Italia, parla dei suoi cordiali legami con Mosca e sembrava incolpare il presidente ucraino Volodymyr Zelensky della guerra in Ucraina.

L’altro suo partner della coalizione, Salvini, è un fan di lunga data del presidente russo Vladimir Putin e ha criticato le sanzioni occidentali alla Russia.

Nonostante la sua posizione euroscettica, Meloni è stata ferma sul suo sostegno all’Ucraina, in linea con il resto dell’Unione Europea e degli Stati Uniti.

“Ho intenzione di guidare un governo con una linea di politica estera chiara e inequivocabile”, ha affermato. “L’Italia è a pieno titolo, ea testa alta, parte dell’Europa e dell’Alleanza Atlantica”.

“Chi non è d’accordo con questa pietra angolare non potrà far parte del governo, anche a costo di non formare un governo”, ha avvertito Meloni.

Berlusconi, 86 anni, ha affermato che la sua posizione personale e politica “non si discosta da quella del governo italiano (e) dell’Unione Europea” sull’Ucraina.

Ma le tensioni si aggiungono alle preoccupazioni che la coalizione di Meloni, tenuta insieme dalla necessità di una maggioranza parlamentare, farà fatica a mantenere l’unità.

Gli alleati di Berlusconi insistono che i suoi commenti nella registrazione, da un incontro con i legislatori all’inizio di questa settimana, sono stati presi fuori contesto.

Il magnate dei media miliardario ha descritto un riaccendersi dei rapporti con l’amico di lunga data Putin, che ha detto gli ha inviato 20 bottiglie di vodka e una “lettera molto dolce” per il suo compleanno.

Sfide in arrivo

La coalizione di Meloni vuole rinegoziare la parte italiana del fondo di ripresa post-Covid dell’UE, sostenendo che i quasi 200 miliardi di euro (193 miliardi di dollari) che prevede di ricevere dovrebbero tenere conto dell’attuale crisi energetica, esacerbata dall’invasione di Mosca dell’Ucraina che ha colpito le forniture di gas russo in Europa.

Ma i fondi sono legati a una serie di riforme appena avviate da Draghi, e gli analisti dicono che ha margini di manovra limitati.

Meloni aveva condotto una campagna su una piattaforma di “Dio, Paese e famiglia”, suscitando i timori di una regressione dei diritti nel Paese a maggioranza cattolica.

Ha preso le distanze dal passato neofascista del suo partito – e dal suo stesso, dopo aver elogiato il dittatore Benito Mussolini da adolescente – e si è presentata come una leader schietta ma non minacciosa.

L’inflazione in Italia è salita all’8,9 per cento a settembre rispetto all’anno precedente, minacciando di mettere il paese in recessione l’anno prossimo.

Il margine di manovra è limitato dato che il suo debito colossale rappresenta il 150 per cento del prodotto interno lordo, il più alto nell’eurozona dopo la Grecia.

Draghi ha usato la sua ultima giornata sulla scena europea venerdì per avvertire sia i suoi compagni leader che Meloni che un’Europa unita dovrebbe rimanere la loro “stella guida”.

Draghi ha affermato che tutti hanno guardato “all’UE come fonte di sicurezza, stabilità e pace”, aggiungendo: “Dobbiamo tenerlo presente come una stella guida per il futuro, soprattutto in tempi difficili come questi”.

(AFP)

Source link

Previous post Il melograno può aiutare a combattere il cancro?
Next post CREMONESE, NOVITA’ USC NEGOZIO: APRE IL NUOVO NEGOZIO | Notizia