I ministri dell’UE approvano il nuovo piano per i migranti dopo le tensioni Francia-Italia

Emesso il:

I ministri dell’Interno europei hanno accolto con favore venerdì un piano dell’UE per coordinare meglio la gestione degli arrivi di migranti, dopo una furiosa lite scoppiata tra l’Italia e la Francia per una barca di salvataggio dei rifugiati.

La Francia ha ha accusato l’Italia di non aver rispettato il diritto del mare respingendo la nave della Ong all’inizio di questo mese, innescando colloqui di crisi a Bruxelles per scongiurare una nuova disputa dell’UE sulla questione politicamente complessa.

Tutte le parti hanno descritto l’incontro come produttivo, anche se il ministro degli interni ceco Vit Rakusan, il cui paese detiene la presidenza dell’UE, ha successivamente affermato che tutti i partecipanti erano d’accordo sul fatto che “si può e si deve fare di più” per trovare una soluzione duratura. I ministri si riuniranno di nuovo in una riunione programmata l’8 dicembre per portare avanti la “difficile discussione”, ha detto.

Il vicepresidente della Commissione europea Margaritis Schinas, il commissario incaricato di “promuovere il nostro europeo stile di vita”, ha affermato che l’Europa non può più accontentarsi di un’altra soluzione ad hoc.

“Non possiamo continuare a lavorare evento per evento, nave per nave, incidente per incidente, rotta per rotta”, ha detto, ricordando che le crisi precedenti erano state colte da “forze populiste ed eurofobe”.

Il numero di richiedenti asilo è ancora molto inferiore ai livelli del 2015 e del 2016, ma la disputa ha già minato un patto provvisorio per ridistribuire gli arrivi in ​​modo più equo intorno al blocco delle 27 nazioni.


Niente più piani “ad hoc”.

Bruxelles ha lottato per anni per concordare e attuare una nuova politica per la condivisione della responsabilità per migranti e richiedenti asilo, ma la brutta lite ha portato la questione in primo piano.

All’inizio di questo mese, ItaliaIl nuovo governo di Georgia Meloni, leader di estrema destra, ha rifiutato di consentire a una nave di una ONG battente bandiera norvegese di attraccare con 234 migranti salvati dal Mediterraneo.

La Ocean Viking è poi proseguita per la Francia, dove le autorità hanno reagito con furia alla posizione di Roma, sospendendo un precedente accordo per l’accoglienza di 3.500 richiedenti asilo bloccati in Italia.

La lite ha minato la soluzione provvisoria dell’UE e ha portato Parigi a convocare venerdì la riunione straordinaria dei ministri degli interni dei 27 Stati membri.

“La crisi della Ocean Viking è stata un po’ un’improvvisazione”, ha ammesso Schinas, difendendo il nuovo piano dalla sua commissione per coordinare meglio i soccorsi e gli arrivi di migranti e rifugiati.

“Abbiamo una ventina di azioni specifiche, abbiamo un’intesa politica importante, tutti sono impegnati a lavorare per non riprodurre questo tipo di situazione”.

Il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin ha detto che non c’era motivo per la Francia di accettare migranti ricollocati dall’Italia se Roma “non prende le barche, non accetta la legge del mare”.

L’omologo italiano di Darmanin, Matteo Piantedosi, ha minimizzato l’incidente della Ocean Viking, dicendo che l’incontro “non si occupava di casi individuali o di gestione operativa”.

Ha detto che aveva stretto la mano al francese ministro e che c’è stata una “convergenza di posizioni” che ha permesso ai ministri di riprendere la discussione nella riunione dell’8 dicembre.

La controparte belga Nicole De Moor ha chiesto “solidarietà”, affermando che il Belgio stava accogliendo più della sua giusta quota di migranti che lasciavano le sue strutture di accoglienza sopraffatte.

Il piano precedente è stato elaborato dopo che i paesi mediterranei più vicini alle coste nordafricane, come l’Italia e la Grecia, si lamentavano di assumersi troppe responsabilità per i migranti.

Una dozzina di membri dell’UE hanno accettato di accogliere 8.000 richiedenti asilo – con Francia e Germania che ne hanno accettati 3.500 ciascuno – ma finora sono avvenute solo 117 ricollocazioni.

‘Niente di nuovo’

Lunedì la Commissione europea ha presentato un nuovo piano d’azione per regolamentare meglio gli arrivi sulla rotta del Mediterraneo centrale.

Non è stato ben accolto dalle agenzie umanitarie. Stephanie Pope, esperta di migrazione per l’agenzia di aiuti Oxfam, ha definito il piano di Bruxelles “solo un altro rimpasto di vecchie idee che non funzionano”. E un diplomatico europeo ha affermato che il piano “non contiene nulla di nuovo, quindi non risolverà il problema della migrazione”.

I ministri lo hanno comunque accettato e Schinas ha affermato che dovrebbe prevenire altre crisi mentre l’Europa tenta ancora una volta di negoziare un piano di migrazione globale che avrebbe la forza del diritto dell’UE.

Il piano vedrebbe Bruxelles lavorare più a stretto contatto con la Tunisia, la Libia e l’Egitto per cercare in primo luogo di fermare i migranti privi di documenti che si imbarcano sulle navi dei contrabbandieri.

Mentre la Francia e l’Italia discutono sui casi di alto profilo di drammatici salvataggi in mare nel Mediterraneo centrale, altre capitali dell’UE sono più preoccupate per le rotte terrestri attraverso i Balcani.

Si stima che quasi 130.000 migranti privi di documenti siano arrivati ​​nel blocco dall’inizio dell’anno, con un aumento del 160%, secondo Frontex, la forza di frontiera dell’UE.

Il ministro dell’Interno greco Notis Mitarachi, nel frattempo, si è lamentato del fatto che la Turchia non sta rispettando un accordo sulla migrazione del 2016 che prevede il ritiro migranti che non hanno diritto all’asilo.

(AFP)

Source link

Previous post Oltre il 50% delle microimprese non disponeva di meccanismi per attutire l’impatto del Covid: Studio
Next post Frana sull’isola italiana: un morto, altri ancora dispersi