L’Italia dichiara lo stato di emergenza a Ischia a seguito di una frana devastante

Emesso il:

Domenica i soccorritori italiani stavano cercando persone scomparse nell’isola meridionale di Ischia dopo che una frana ha ucciso almeno quattro persone e il governo ha dichiarato lo stato di emergenza.

UN ondata di fango e detriti si è schiantato nella cittadina di Casamicciola Terme sabato mattina, inghiottendo almeno una casa e trascinando le auto in mare, hanno riferito i media locali e i servizi di emergenza.

Una prima tranche di due milioni di euro ($ 2 milioni) di fondi di soccorso è stata rilasciata al termine di una riunione di gabinetto di emergenza che ha dichiarato lo stato di emergenza, ha affermato il ministro della Protezione civile Nello Musumeci.

Italiano I media hanno riferito che entro domenica pomeriggio erano stati ritrovati quattro corpi, con un bilancio ufficiale che sarà fornito in serata dal prefetto di Napoli Claudio Palomba.

Più di 200 soccorritori stavano ancora cercando una decina di dispersi, mentre centinaia di volontari, immersi nel fango fino alle ginocchia, erano impegnati a pulire le strade del paese.

I soccorsi erano stati ostacolati dalla pioggia e dai forti venti, che hanno ritardato anche i traghetti che portavano rinforzi dalla terraferma.

“È una situazione che ci fa male, se non altro per le persone scomparse sotto la montagna. Qui è un’isola e anche se non conosciamo davvero tutti, è quasi questo”, ha detto all’AFP Salvatore Lorini, 45 anni.

“La montagna è crollata, c’è stata la devastazione di negozi, auto, hotel e questo accadeva già nove anni fa. Ora sto pulendo il negozio di mia suocera”, ha detto.

In precedenza il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi aveva avvertito che c’erano persone intrappolate nel fango, definendo una situazione “gravissima”.

Complessa operazione di salvataggio

La pioggia battente ha fatto scorrere torrenti di fango per le strade di Casamicciola Terme, località termale di 8.000 abitanti a nord di Ischia, lussureggiante isola vicino a Capri, affollata di turisti in estate.

Gli alberi sono stati abbattuti e le auto lasciate ammaccate sul ciglio della strada o in acqua, secondo i giornalisti di AFP.

I massi erano sparsi qua e là mentre gli escavatori cercavano di liberare l’accesso a case, automobili e negozi.

“Se potessi, lascerei Casamicciola perché ora faccio fatica a viverci, anche se la mia casa è sopravvissuta alla scossa, all’allagamento”, ha detto all’AFP Iacono Maria, 64 anni.

Papa Francesco ha detto di pregare per le vittime, “coloro che soffrono e tutti coloro che hanno contribuito ai soccorsi” nella preghiera dell’Angelus di domenica.

I vigili del fuoco hanno detto che in precedenza una casa era stata sommersa dal fango e due persone erano state salvate da un’auto trascinata in mare.

Nella zona più colpita della città, almeno 30 famiglie sono rimaste intrappolate nelle loro case senza acqua né elettricità, con fango e detriti che bloccano la strada, riferisce l’agenzia di stampa ANSA.

I funzionari avevano detto che si aspettavano di evacuare e trovare alloggi temporanei per un numero di persone compreso tra 150 e 200.

Le autorità locali hanno invitato i residenti di Ischia a rimanere all’interno per non intralciare le operazioni di soccorso.

Una crescita “esponenziale” delle infrastrutture innescata dal turismo di massa ha finito per “soffocare tutti gli elementi naturali del territorio e ricoprire tutto di cemento”, ha scritto il geologo Mario Tozzi su La Stampa.

Casamicciola Terme è stata colpita da un terremoto nel 2017, in cui sono morte due persone. Fu completamente distrutto da un terremoto molto più potente alla fine del XIX secolo.

La devastazione a Ischia arriva poche settimane dopo che 11 persone sono morte a causa di forti piogge e inondazioni nella regione centrale italiana delle Marche.

(AFP)

Source link

Previous post Lavorare per combattere il cambiamento climatico e migliorare la produzione di miglio: FM Sitharaman sollecita le startup
Next post Bere otto bicchieri d’acqua