Il Belgio ne arresta quattro per sospette tangenti del Qatar al parlamento dell’UE

Emesso il: Modificata:

Venerdì il Belgio ha arrestato quattro persone, tra cui un ex deputato europeo, nell’ambito di un’indagine sulla sospetta corruzione da parte del Qatar al parlamento europeo, hanno detto funzionari.

Il procuratore federale ha annunciato gli arresti dopo che 600.000 euro in contanti sono stati scoperti quando la polizia ha effettuato 16 raid nella capitale Bruxelles.

I pubblici ministeri non hanno specificato l’identità dei sospetti né il nome del paese coinvolto, dicendo solo che si trattava di uno stato del “Golfo”.

Ma una fonte vicina al caso ha confermato le notizie di stampa che si concentravano su sospetti tentativi da parte di Qatar corrompere un Italiano Socialista, deputato al Parlamento europeo dal 2004 al 2019.

Le quattro persone arrestate erano cittadini italiani o provenivano originariamente dall’Italia, ha detto la fonte.

“Le perquisizioni di oggi hanno permesso agli inquirenti di recuperare circa 600.000 euro in contanti”, affermano i pm in un comunicato.

“Sono state sequestrate anche attrezzature informatiche e telefoni cellulari. Questi elementi saranno analizzati nell’ambito delle indagini”.

Nel comunicato si legge che gli inquirenti “sospettavano che un Paese del Golfo (di influenzare) le decisioni economiche e politiche del Parlamento europeo”.

Ha affermato che ciò è stato fatto “pagando ingenti somme di denaro o offrendo grandi doni a” figure influenti nel parlamento europeo.

“Quattro persone sono state arrestate per essere interrogate e potrebbero essere portate davanti al giudice istruttore”, hanno detto i pubblici ministeri.

“Tra gli interrogati c’era un ex membro del Parlamento europeo”.

belga Le testate Le Soir e Knack hanno riferito che l’ex eurodeputato detenuto era il socialista italiano Pier Antonio Panzeri.

Panzeri, 67 anni, attualmente dirige un’organizzazione per i diritti umani con sede a Bruxelles chiamata Fight Impunity.

Secondo quanto riferito, tra gli arrestati figurava anche il segretario generale della Confederazione internazionale dei sindacati (CIS), l’italiano Luca Visentini, insieme a “un assistente parlamentare” e “un direttore di una ONG”.

L’ITUC ha affermato di essere “a conoscenza” dei resoconti dei media, ma al momento non ha ulteriori commenti da fare.

La presunta corruzione arriva quando il Qatar, ospite della Coppa del Mondo, ha fatto una grande spinta migliorare la sua immagine di fronte alle critiche sul suo record in materia di protezione dei lavoratori e diritti umani.

Intervistato da AFP lunedì, Visentini ha accolto con favore i progressi compiuti dal Qatar sui diritti dei lavoratori, ma ha insistito sul fatto che la “pressione” deve essere mantenuta una volta terminato il torneo di calcio.

I lavoratori migranti costituiscono oltre 2,5 milioni dei 2,9 milioni di abitanti del Qatar e condizioni di lavoro sono stati fortemente criticati, in particolare in vista della Coppa del Mondo.

Doha ha attuato riforme al suo sistema di lavoro dei migranti, ma i critici insistono che occorre fare di più per assicurarsi che i cambiamenti abbiano un impatto.

Anche la Coppa del Mondo del Qatar è stata perseguitata da accuse di corruzione che circonda il voto per assegnare il torneo allo stato del Golfo ricco di energia.

(AFP)

Source link

Previous post Segni di intolleranza al lattosio e come identificarli
Next post Elon Musk set to become number-one influencer on Twitter