Perché l’ondata di COVID in Cina sta suscitando paura

I passeggeri di un volo dalla Cina aspettano in fila per controllare i loro documenti di vaccinazione COVID-19 come misura preventiva contro il coronavirus Covid-19, dopo essere arrivati ​​all'aeroporto di Parigi-Charles-de-Gaulle a Roissy, fuori Parigi, il 1° gennaio , 2023. — AFP
I passeggeri di un volo dalla Cina aspettano in fila per controllare i loro documenti di vaccinazione COVID-19 come misura preventiva contro il coronavirus Covid-19, dopo essere arrivati ​​all’aeroporto di Parigi-Charles-de-Gaulle a Roissy, fuori Parigi, il 1° gennaio , 2023. — AFP

PECHINO: La Cina sta vivendo un’enorme ondata di COVID-19 dopo anni di rigide restrizioni di contenimento smontato lo scorso mese.

UN numero crescente di paesi sono preoccupati per la mancanza di dati e trasparenza sull’epidemia cinese.

Ecco perché sta suscitando preoccupazione:

Dati inaffidabili

Pechino ha ammesso che la portata dell’epidemia è diventata “impossibile” da tracciare dopo la fine dei test di massa obbligatori il mese scorso.

La National Health Commission ha smesso di pubblicare statistiche giornaliere su infezioni e decessi a livello nazionale.

Tale responsabilità è stata trasferita al Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), che pubblicherà i dati solo una volta al mese dopo che la Cina avrà declassato i suoi protocolli di gestione per la malattia l’8 gennaio.

La Cina ha riportato solo 15 morti per Covid da quando ha iniziato a sciogliere le restrizioni il 7 dicembre, poco dopo ha ristretto i criteri in base ai quali vengono registrati i decessi per virus.

Ciò ha alimentato la preoccupazione che l’ondata di infezioni non si rifletta accuratamente nelle statistiche ufficiali.

Le autorità hanno ammesso la scorsa settimana che la scala dei dati raccolti è “molto più piccola” rispetto a quando erano in vigore i test PCR di massa obbligatori.

Il funzionario del CDC Yin Wenwu ha affermato che le autorità stanno ora raccogliendo dati da ospedali e sondaggi del governo locale, nonché volumi di chiamate di emergenza e vendite di medicinali per la febbre, che “compenseranno le carenze nei nostri rapporti”.

Ospedali e crematori cinesi stanno lottando con un afflusso di pazienti e corpi, con le aree rurali particolarmente colpite.

Diversi paesi, tra cui Stati Uniti, Australia e Canada la scorsa settimana, hanno dichiarato di imporre restrizioni ai test sugli arrivi dalla Cina a causa della mancanza di trasparenza sui dati sull’infezione.

Stime frammentarie

Il mese scorso, alcune autorità locali e regionali hanno iniziato a condividere i totali stimati delle infezioni giornaliere poiché la portata dell’epidemia rimaneva poco chiara.

I funzionari sanitari della ricca provincia costiera di Zhejiang credevano che un milione di residenti venissero infettati ogni giorno la scorsa settimana. Le città di Quzhou e Zhoushan hanno affermato che almeno il 30% della popolazione ha contratto il virus.

Anche la città costiera orientale di Qingdao ha stimato circa 500.000 nuovi casi giornalieri e il centro di produzione meridionale di Dongguan prevede fino a 300.000.

I funzionari della provincia insulare di Hainan hanno stimato venerdì che il tasso di infezione aveva superato il 50%.

Ma l’alto funzionario sanitario Wu Zunyou ha detto giovedì che il picco era passato nelle città di Pechino, Chengdu e Tianjin, con la provincia del Guangdong, la più popolosa del paese, che ha detto lo stesso domenica.

Il massimo esperto di malattie infettive di Shanghai, Zhang Wenhong, ha dichiarato ai media statali che la megalopoli potrebbe essere entrata nel suo periodo di punta il 22 dicembre, con circa 10 milioni di residenti che hanno contratto il Covid.

Appunti trapelati da una riunione di funzionari sanitari il mese scorso hanno rivelato di ritenere che 250 milioni di persone fossero state infettate in tutta la Cina nei primi 20 giorni di dicembre.

I modelli di infezione indipendenti dipingono un quadro cupo. I ricercatori dell’Università di Hong Kong hanno stimato che quasi un milione di cinesi potrebbero morire questo inverno a causa dell’apertura.

E la società di analisi dei rischi per la salute Airfinity prevede 11.000 morti e 1,8 milioni di infezioni al giorno, con un totale di 1,7 milioni di decessi entro la fine di aprile.

Nuove varianti?

Molti paesi hanno citato le preoccupazioni per potenziali nuove varianti come motivo per controllare gli arrivi cinesi per Covid.

Ma non ci sono ancora prove di nuove tensioni che emergono dall’attuale ondata.

Il massimo funzionario del CDC Xu Wenbo ha dichiarato il mese scorso che la Cina stava sviluppando un database genetico nazionale di campioni di Covid derivati ​​dalla sorveglianza ospedaliera che aiuterebbe a rintracciare le mutazioni.

Esperti sanitari cinesi hanno affermato nei giorni scorsi che le sottovarianti Omicron BA.5.2 e BF.7 sono le più diffuse a Pechino, in risposta ai timori dell’opinione pubblica che la variante Delta possa ancora circolare.

Hanno detto che Omicron è rimasta anche la varietà più dominante a Shanghai.

In molte nazioni occidentali, questi ceppi sono stati superati dalle sottovarianti più trasmissibili XBB e BQ, che non sono ancora dominanti in Cina.

Pechino ha inviato 384 campioni Omicron nell’ultimo mese al database online globale GISAID, secondo il suo sito web.

Ma il numero totale di invii del paese al database, a 1.308, è sminuito da quello di altre nazioni, inclusi Stati Uniti, Gran Bretagna, Cambogia e Senegal.

Campioni recenti provenienti dalla Cina “assomigliano tutti molto da vicino alle varianti note circolanti a livello globale osservate… tra luglio e dicembre”, ha affermato venerdì GISAID.

Il virologo dell’Università di Hong Kong, Jin Dong-yan, ha dichiarato in un podcast indipendente il mese scorso che le persone non devono temere il rischio di una nuova variante più mortale in Cina.

“Molti posti in tutto il mondo hanno sperimentato (infezione su larga scala) ma una variante più mortale o patogena non è emersa in seguito”, ha detto Jin.

“Non sto dicendo che l’emergere di un ceppo (più mortale) sia del tutto impossibile, ma la possibilità è molto piccola”.

Source link

Previous post Fino al 70% della popolazione di Shanghai contagiata da COVID: top doctor
Next post Le morti di celebrità in Cina servono come prova dell’aumento del bilancio correlato a COVID