Digiuno intermittente o mangiare di meno?

Le immagini mostrano pezzi di scarabeo su un piatto.— Pexels
Le immagini mostrano pezzi di scarabeo su un piatto.— Pexels

Secondo studi recenti, limitare le calorie in generale può aiutare le persone a essere efficaci perdita di peso piuttosto che restringere l’orario dei pasti.

La popolarità del digiuno intermittente come strategia per perdere peso sta crescendo. Questo schema alimentare alterna pasti programmati e periodi di digiuno. Secondo alcuni dati, questo piano alimentare può aiutare le persone obese con i loro esiti cardiometabolici e aiutarle a perdere peso senza subire effetti collaterali negativi.

Non è chiaro come il digiuno intermittente sia paragonabile ai regimi che limitano calorie in generale, però.

Il 18 gennaio, l’American Heart Association ha rivelato i risultati dello studio che sostengono che mangiare meno pasti più abbondanti e più frequentemente può essere più utile per la perdita di peso rispetto al digiuno intermittente.

Gli scienziati hanno arruolato 547 individui adulti di tre sistemi sanitari per verificare l’ipotesi che i periodi di digiuno tra i pasti influenzassero i cambiamenti di peso. Quasi l’80% di loro era bianco, il 12% era nero e circa il 3% era asiatico. L’età media dei partecipanti era di 51 anni e il loro indice di massa corporea medio rientrava nella categoria degli obesi.

Utilizzando l’app Daily24 del team di ricerca, i partecipanti hanno tenuto traccia dei pasti, del sonno e delle ore di veglia. Ciò ha permesso ai ricercatori di calcolare gli intervalli tra il primo e l’ultimo pasto, il primo pasto dopo il risveglio e l’ultimo pasto prima di andare a letto.

Il tempo dei pasti non ha influenzato le fluttuazioni di peso nel corso del periodo di follow-up di sei anni, riportato Notizie sulla salute. Tuttavia, mangiare molti pasti di medie e grandi dimensioni (più di 1.000 calorie) era collegato all’aumento di peso.

Inoltre, mangiare meno e più piccoli pasti con meno di 500 calorie per pasto era associato alla perdita di peso.

Gli scienziati hanno anche scoperto che le persone che mangiavano il primo pasto subito dopo essersi svegliate e si concedevano più tempo tra l’ultimo pasto e l’ora di andare a letto sembravano ingrassare di meno.

Nel complesso, lo studio non ha trovato alcuna prova che la tecnica del digiuno intermittente del mangiare a tempo limitato abbia causato cambiamenti di peso.

Source link

Previous post Lo strumento di controllo del cervello rivela 12 fattori di rischio per la demenza
Next post Come si usano Quest Pro di Meta e Vive XR Elite di HTC?