Perché dovresti inserire immediatamente l’olio d’oliva nella tua dieta

L'immagine mostra uno spuntino italiano e una bottiglia di olio d'oliva.— Unsplash
L’immagine mostra uno spuntino italiano e una bottiglia di olio d’oliva.— Unsplash

La dieta mediterranea, che è spesso considerata uno dei modi più salutari di mangiare, è costruita attorno all’olio d’oliva.

L’olio d’oliva ha diversi vantaggi per la salute e la maggior parte di questi sono dovuti ai suoi piccoli ingredienti, come i polifenoli. I potenziali vantaggi dell’acido oleico, che costituisce tra il 70% e l’80% dell’olio d’oliva ed è ora al centro di un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nutrientivengono evidenziati.

Secondo i ricercatori delle Facoltà di Farmacia e Medicina dell’Università di Siviglia, l’ingrediente principale di olio d’oliva ha qualità che riducono il colesterolo e aiutano a prevenire il cancro e il morbo di Alzheimer.

È difficile superare la dieta mediterranea quando si tratta di prevenire le malattie e rallentare l’invecchiamento.

Olivi sono ampiamente diffusi nella regione mediterranea. Naturalmente, i frutti di quegli alberi sono i luoghi da cui si ricava l’olio d’oliva, rendendolo il nutriente più caratteristico e la principale fonte di grassi in una normale dieta mediterranea. Molte verdure, un consumo moderato di pesce, un consumo di latticini da basso a moderato, un consumo scarso o assente di carne rossa e un consumo moderato di vino sono ulteriori componenti della dieta mediterranea.

Acido oleico

Il componente principale dell’olio d’oliva, l’acido oleico, è coinvolto in molti dei benefici per la salute dell’olio.

Secondo i ricercatori che lavorano con esperti del distretto sanitario di Siviglia Nord e Aljarafe e dell’ospedale Costa del Sol, l’acido oleico funge da acido grasso monoinsaturo primario (MUFA) nel sistema circolatorio umano. È un componente significativo dei fosfolipidi di membrana nel cervello umano ed è abbondante nelle guaine mieliniche neuronali.

I pazienti con gravi disturbi depressivi e il morbo di Alzheimer hanno livelli più bassi di acido oleico nel cervello, secondo i professionisti medici.

Combattere il cancro?

L’acido oleico, come tutti gli acidi grassi liberi, è utilizzato principalmente come fonte di energia e come componente delle membrane cellulari. Le sue qualità antiossidanti, che possono controllare direttamente sia la sintesi che l’attività degli enzimi antiossidanti, sono uno dei suoi tratti più notevoli.

La sua capacità di bloccare la produzione di proteine ​​associate al trasporto del colesterolo, abbassando l’assorbimento del colesterolo e, in definitiva, prevenendo l’aterosclerosi, è un altro vantaggio.

Non solo quello. A causa dei suoi effetti inibitori sulla sovraespressione di oncogeni (geni potenzialmente cancerogeni) e del loro impatto sulla morte cellulare programmata, l’acido oleico è una sostanza chimica antitumorale riconosciuta. L’acido oleico è anche etichettato come sostanza chimica antinfiammatoria dalla maggior parte dei ricercatori, tuttavia, c’è qualche disaccordo su questo.

Anche il derivato dell’acido oleico, l’oleoiletanolamide, presenta proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. È stato suggerito da alcuni come agente terapeutico efficace per trattare l’obesità. Ulteriori ricerche suggeriscono che l’acido oleico influenzi sia il sistema immunitario attraverso il controllo delle cellule legate all’infiammazione sia i meccanismi epigenetici (alterazioni dirette del DNA e delle proteine ​​associate al DNA).

Source link

Previous post Più di 50 migranti muoiono dopo un naufragio vicino al sud Italia
Next post L’industria chiede al governo di rendere il programma Vivad se Vishwas attraente per le MPMI