L’OMS vede COVID rappresentare una minaccia simile per l’influenza quest’anno

L'ultimo test COVID-19 è stato prelevato da una persona in un centro di test COVID a Tiel, il 17 marzo 2023 prima della chiusura.  — AFP
L’ultimo test COVID-19 è stato prelevato da una persona in un centro di test COVID a Tiel, il 17 marzo 2023 prima della chiusura. — AFP

GINEVRA: Il Pandemia di covid-19 potrebbe stabilizzarsi quest’anno fino al punto in cui rappresenta una minaccia simile all’influenza, il Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha detto venerdì.

L’OMS ha espresso la fiducia di poter dichiarare la fine dell’emergenza nel 2023, affermando di essere sempre più fiduciosa sulla conclusione della fase pandemica del virus.

Lo scorso fine settimana ha segnato tre anni da quando l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha descritto per la prima volta il situazione come una pandemia – anche se il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus insiste che i paesi avrebbero dovuto entrare in azione diverse settimane prima.

“Penso che stiamo arrivando a un punto in cui possiamo guardare a COVID-19 nello stesso modo in cui guardiamo all’influenza stagionale”, ha detto in una conferenza stampa il direttore delle emergenze dell’OMS Michael Ryan.

“Una minaccia per la salute, un virus che continuerà a uccidere. Ma un virus che non sta sconvolgendo la nostra società o sconvolgendo i nostri sistemi ospedalieri, e credo che arriverà, come ha detto Tedros quest’anno”.

Il capo dell’OMS ha affermato che il mondo si trova in una posizione molto migliore ora rispetto a qualsiasi momento durante la pandemia.

“Sono fiducioso che quest’anno saremo in grado di affermare che il COVID-19 è finito come emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale (PHEIC)”, ha affermato.

5.000 morti a settimana

L’OMS ha dichiarato un PHEIC – il più alto livello di allarme che può suonare – il 30 gennaio 2020, quando, al di fuori della Cina, erano stati segnalati meno di 100 casi e nessun decesso.

Ma fu solo quando Tedros descrisse il peggioramento della situazione come una pandemia l’11 marzo di quell’anno che molti Paesi sembrarono rendersi conto del pericolo.

“Tre anni dopo, ci sono quasi sette milioni di decessi segnalati per COVID-19, anche se sappiamo che il numero effettivo di decessi è molto più alto”.

È stato lieto che, per la prima volta, il numero settimanale di decessi segnalati nelle ultime quattro settimane sia stato inferiore rispetto a quando ha descritto per la prima volta il COVID-19 come una pandemia.

Ma ha detto che più di 5.000 morti segnalate a settimana erano 5.000 di troppo per una malattia che può essere prevenuta e curata.

I dati emergono

I primi contagi con il nuovo coronavirus sono stati registrati alla fine del 2019 nella città cinese di Wuhan.

“Anche se diventiamo sempre più fiduciosi sulla fine della pandemia, la domanda su come sia iniziata rimane senza risposta”, ha detto Tedros, mentre si rivolgeva ai dati emersi di recente sui primi giorni della pandemia.

I dati, del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, si riferiscono a campioni prelevati al mercato di Huanan a Wuhan, nel 2020.

Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell’OMS su COVID, ha affermato di aver mostrato prove molecolari che gli animali sono stati venduti al mercato, compresi gli animali sensibili al SARS-CoV-2, il virus che causa la malattia COVID-19.

Le informazioni sono state pubblicate sul database dell’iniziativa scientifica globale GISAID alla fine di gennaio, quindi sono state rimosse di nuovo, ma non prima che alcuni scienziati le scaricassero e le analizzassero e informassero l’OMS lo scorso fine settimana.

“Questi dati avrebbero potuto – e avrebbero dovuto – essere condivisi tre anni fa”, si è lamentato Tedros.

“Continuiamo a chiedere alla Cina di essere trasparente nella condivisione dei dati e di condurre le indagini necessarie e condividere i risultati”.

Van Kerkhove ha detto che tutte le teorie su dove l’epidemia ha iniziato a rimanere sul tavolo.

Includono l’ingresso nella popolazione umana attraverso un pipistrello, un animale ospite intermedio o attraverso una violazione della biosicurezza in un laboratorio, ha detto.

Source link

Previous post La startup spaziale DhruvaSpace firma un patto con la società francese Kineis
Next post Il Pakistan segnala il primo caso di polio del 2023